mercoledì 14 ottobre 2015

Perché usare il guanto depilatorio

Da qualche anno è stato lanciato sul mercato un nuovo alleato per la bellezza delle donne, pratico e poco invasivo, che è possibile portare sempre con sé e poter utilizzare all’occorrenza: si tratta del guanto depilatorio. Esso è un pratico strumento per l’eliminazione dei peli superflui che si può effettuare in autonomia a casa propria e, grazie ai consigli che ci si scambia nel passaparola tra donne entusiaste dalla morbidezza prolungata dell’epidermide, si sta rapidamente affermando come alternativa ad altre tecniche di epilazione.

Il guanto depilatorio consiste in una manopola piana di morbida gomma con una pratica impugnatura e una superficie, sotto la quale si applicano dei dischetti adesivi rivestiti di microcristalli, che va sfregata a contatto con la pelle asciutta: essi, oltre a favorire il distaccamento del pelo nella parte del corpo trattata, effettuano una micro dermoabrasione che comporta il rinnovamento dello strato più superficiale dell’epidermide. Questo contribuisce a renderla più liscia e morbida, a favorirne il rinnovamento e a rendere il colorito più uniforme, soprattutto nei periodi in cui si è esposti al sole e la pelle tende ad accelerare il naturale meccanismo di ricambio cellulare.
Il suo utilizzo è consigliabile in quanto è il primo sistema depilatorio ideato per essere effettuato a secco, in quanto non comporta utilizzo di saponi, spume, cere o creme e nemmeno di acqua per effettuare il risciacquo. Questo rende l’epilazione molto pratica ed eseguibile in qualsiasi luogo ci si trovi, anche all’ultimo momento prima di un’uscita o un’occasione speciale. Il guanto può essere utilizzato su tutto il corpo, a condizione di sfregarlo con dolcezza sulle zone più delicate e ricche di ghiandole quali l’inguine e le ascelle, dove un contatto troppo energico e prolungato può rendere la zona più soggetta ad irritazioni. Questo metodo depilatorio non determina l’estirpazione del bulbo pilifero – a differenza ad esempio del rasoio elettrico o della ceretta – per cui non è doloroso perché non c’è nessuno “strappo” del pelo, ma soltanto un distaccamento della parte che fuoriesce dall’epidermide . Esso può essere quindi utilizzato anche da chi ha la pelle sensibile e soggetta a irritazioni o da chi soffre di fragilità capillare o di vene varicose e non può permettersi di ricorrere a strappi traumatici per non peggiorare la situazione, grazie anche al fatto che non comporta l’utilizzo di alcuna componente meccanica o metallica né di alcuna lozione o sostanza chimica che può essere mal tollerata da alcuni soggetti.
Questo metodo è poco invasivo ma allo stesso tempo efficace perché consuma il pelo e indebolisce il bulbo sito alla sua base, rendendone il fusto sempre più morbido e sottile; inoltre ne rallenta progressivamente la crescita, grazie al meccanismo dello scrub costante, paragonabile a quello dovuto al costante sfregamento di un pantalone aderente sulle gambe, che ha l’effetto di indebolire la ricrescita del pelo. In questo modo la durata tra un’epilazione e l’altra è progressivamente maggiore. Il guanto depilatorio, rimuovendo oltre al pelo lo strato epiteliale più superficiale, non crea lo spiacevole e talvolta doloroso inestetismo della crescita sottocutanea del pelo, che dà origine al classico pelo incarnito.

Il guanto depilatorio è venduto all’interno di un piccolo kit che contiene vari dischetti che possono essere applicati come ricambi, quindi può essere utilizzato per numerose epilazioni. Una volta terminati i dischetti è inoltre possibile acquistarli senza effettuare un nuovo acquisto del guanto, permettendo un notevole risparmio dal punto di vista economico, anche alla luce del fatto che non devono essere usati altri prodotti complementari e nemmeno l’acqua o la corrente elettrica, con l’ulteriore aspetto positivo che permette a tutte le donne di poter contribuire, nel proprio piccolo, a far qualcosa per salvaguardare l’ambiente.

Se vuoi maggiori informazioni per l'utilizzo del guanto depilatorio visita questa pagina